Carabinieri arrestano due persone indiziate di aver compiuto 7 rapine

Le rapine sono avvenute ai danni di varie catene di supermercati. Inoltre sono stati contestati i reati di riciclaggio e ricettazione


ROMA (Rm) – Ad esito di una mirata e complessa attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, i Carabinieri della Stazione di Roma Torpignattara hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Roma, nei confronti di due persone, un 52 enne e un 33enne romani che, in concorso tra loro, sono gravemente indiziati di  riciclaggio, ricettazione e di essere gli autori di ben sette rapine consumate, compiute tra il gennaio del 2022 e il marzo 2022, ai danni di varie catene di supermercati presenti nella Capitale. 

L’attività investigativa dei Carabinieri, si è concentrata acquisendo e analizzando i filmati delle telecamere di videosorveglianza, l’acquisizione e l’analisi del traffico telefonico degli indagati, riconoscimenti fotografici da parte delle vittime e le indagini tecniche, che hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei due.

I colpi: il 6 e il 18 gennaio 2022 presso il Supermercato Gros sito in Via Prenestina, utilizzando una moto rubata con una targa asportata da un altro mezzo; il 23 gennaio 2022 presso il Supermercato Coop di Via Alessi, utilizzando una moto rubata; il 15 e il 22 febbraio 2022 presso il Supermercato Todis di Via Lusitania; il 1 e il 15 marzo 2022, presso il Supermercato Tigre Amico di Via Castelnuovo.

Il modus operandi era sempre lo stesso: arrivavano in moto due persone davanti all’esercizio commerciale, travisati con mascherine e casco; uno rimaneva fuori, l’altro entrava e sotto la minaccia di una pistola, poi risultata un giocattolo, perfetta replica di una Bruni calibro 8, priva del tappo rosso, chiedevano l’incasso ai dipendenti, per poi scappare. 

I Carabinieri della Stazione di Roma Torpignattara, con il supporto, nelle fasi esecutive, dei colleghi della Compagnia di Avezzano, hanno rintracciato e raggiunto il 52enne presso l’abitazione dove era domiciliato e lo hanno condotto in carcere nella stessa cittadina in provincia dell’Aquila, mentre al 33enne l’ordinanza è stata notificata nella Casa Circondariale di Roma Regina Coeli, dove era già recluso.

Si precisa che il procedimento versa nella fase delle indagini preliminari e che, pertanto, gli indagati devono considerarsi innocenti sino ad eventuale condanna definitiva.

Le indagini dei Carabinieri, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma hanno infatti consentito di raccogliere gravi elementi indiziari in ordine al fatto che l’uomo fosse l’autore, prima della tentata estorsione, avvenuta a maggio del 2021, e successivamente della tentata rapina aggravata, avvenuta lo scorso 26 aprile, perpetrata sotto l’abitazione della vittima, un romano di 52 anni.

L’arresto di questi due uomini, gravemente indiziati di essere dei rapinatori seriali, è solo l’ultimo atto che testimonia l’impegno dei Carabinieri del Gruppo di Roma e della Procura della Repubblica per assicurare alla giustizia gli autori di rapine nella Capitale. Dall’inizio dell’anno sono state infatti già 59 le persone arrestate per rapina dai Carabinieri d’intesa con la Procura della Repubblica di Roma. dall’inizio dell’anno a oggi.

In Evidenza

Schiacciato dalla sua auto, muore 78enne a Ciampino

L’uomo è stato vittima di un incidente in cui è rimasto schiacciato dalla propria auto contro un muretto, perdendo la…

Continua a leggere ...

Sequestro di beni per oltre un mln di euro dalla GdF di Latina

Questa misura cautelare riguarda una società attiva nel settore dell’autotrasporto, sospettata di aver messo in atto una frode fiscale attraverso…

Continua a leggere ...

Incidente su via del Cigliolo, investito un ciclista rimasto ferito

Investito un ciclista che proveniva da Lariano nell’incrocio tra via del Cigliolo e via Lata, a ridosso del cimitero di…

Continua a leggere ...

Festa della Mamma

Idee per un Regalo - 331.434.16.37