Sportelli Ue nei Comuni del Lazio, il Governatore Rocca presenta il Progetto

I Punti Europa sono degli sportelli informativi inseriti all’interno dei Comuni laziali nati con l’obiettivo di informare i cittadini sulle opportunità che i fondi europei diretti ed indiretti offrono


Roma (Rm) – Rinnovare e implementare i Punti Europa ubicati nei Comuni del Lazio per garantire a cittadini ed Enti locali una migliore informazione sulle opportunità e sulle iniziative che arrivano dall’Unione europea.

Questo l’obiettivo del progetto “Europa in Comune”, promosso dalla Regione Lazio e presentato presso le Corsie Sistine dell’ospedale Santo Spirito di Roma, alla presenza del presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola. All’evento sono intervenuti anche il ministro per gli Affari Esteri Antonio Tajani, il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca e gli assessori regionali agli Enti locali Luisa Regimenti e al Bilancio Giancarlo Righini.

Il progetto prevede di mettere effettivamente a regime i Punti Europa dei Comuni del Lazio che hanno stipulato un’apposita convenzione con la Regione. Il progetto è stato messo a punto dall’assessorato Enti locali, in collaborazione con la direzione programmazione economica. I Punti Europa, sono degli sportelli informativi inseriti all’interno dei Comuni laziali nati con l’obiettivo di informare i cittadini sulle opportunità che i fondi europei diretti ed indiretti offrono.

“Da oggi l’Europa è più vicina al Lazio. Il progetto ‘Europa in Comune’ rimette in funzione e apre ex novo spazi informativi all’interno dei comuni laziali per offrire una consulenza sulle opportunità dei fondi europei. L’Ue non deve essere più considerata un’organizzazione lontana, ma una realtà vicina in grado di coinvolgere sempre di più i Comuni. Non tollereremo più che nel Lazio vi siano cittadini di Serie A e di Serie B, ha detto il presidente Rocca.

“Iniziative come quella di oggi dimostrano che siamo in tanti ad aver creduto e a credere nella promessa dell’Europa, e questo progetto aiuterà ancora di più ad avvicinare i cittadini alle nostre istituzioni – ha detto la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola -. La collaborazione a livello istituzionale, nazionale e locale che coinvolge anche il mondo universitario è uno strumento importante per cogliere tutte le opportunità che l’Europa può offrire. Non sono qui per dire che l’Unione europea è perfetta, condivido anzi molte delle frustrazioni legate ai nostri processi, ma sono qui per dire che l’Europa può essere migliore se agiamo insieme, continuando – ha sottolineato Metsola – ad ascoltare, convincere e informare le persone, dare risultati e mostrare ai cittadini i vantaggi tangibili dell’Europa avendo il coraggio di andare oltre la retorica. Dobbiamo essere onesti su dove abbiamo fallito ma anche su dove abbiamo avuto successo, e abbiamo molto di cui essere orgogliosi”, ha concluso.

Per il ministro Antonio Tajani l’iniziativa della Regione Lazio “permetterà a tanti amministratori di conoscere ciò che l’Europa offre – ha detto il ministro Tajani -. Il Parlamento Europeo è l’unica istituzione eletta direttamente dai cittadini. L’attenzione rivolta da questa iniziativa della Regione Lazio ai nostri comuni è una scelta molto saggia”. Così come il progetto del Pnrr “Turismo delle radici”, “che punta a far riscoprire i nostri borghi a chi li ha lasciati tanti anni fa emigrando all’estero. “Dobbiamo fare vedere che le istituzioni dialogano con le realtà più piccole per proteggere le aree interne del nostro Paese evitandone lo spopolamento”, ha concluso Tajani.

L’assessorato agli Enti locali della Regione Lazio ha effettuato una ricognizione sull’operatività dei sportelli Europa. Secondo quanto reso noto le risorse umane individuate dai Punti Europa che hanno frequentato i corsi di formazione “front office” risultano essere 112. Le sessioni di formazione erogate dalla Regione Lazio sono state 2 nel 2021, 3 nel 2022 e 2 nel 2023. Dalla ricognizione è emerso che dei 44 punti Europa attivati con specifica convenzione presso gli enti locali, soltanto 10 risultano effettivamente operativi.

Tra le principali criticità rilevate ci sono: scarsa visibilità o conoscenza dello sportello sia da parte degli enti locali che dei cittadini; assenza di continuità del progetto nei Comuni aderenti e, di conseguenza, impiego di risorse da parte della Regione Lazio per la formazione del personale senza garanzia di proseguimento. Infine, mancato avvio dell’uso dell’applicazione telematica predisposta sul sito Lazio Europa per l’inoltro delle istanze e scarsità di campagne di promozione e pubblicizzazione del servizio.

I Punti Europa in Comune, rinnovati nel logo e nel nome, “avranno lo scopo di rappresentare un efficace ed immediato strumento informativo sulle opportunità che arrivano da Bruxelles. Daremo continuità agli sportelli garantendo la presenza del personale, appositamente formato, destinato al servizio per almeno due anni e lanceremo una campagna di pubblicizzazione del servizio. Inoltre, avvieremo una revisione delle convenzioni stipulate con i Comuni e non ancora operative” ha spiegato l’assessore Regimenti, sottolineando come la presenza della presidente Metsola, “che ringrazio per aver accolto l’invito, è un segnale della grande attenzione delle istituzioni europee verso le politiche della Regione”.

L’assessore Giancarlo Righini ha invece aggiunto: “l’obiettivo è riqualificare e sostenere attraverso la formazione del personale da dedicare a questi sportelli informativi, per fare in modo che i comuni possano essere più incisivi nell’offerta di fondi comunitari nei confronti di cittadini, imprese e nei confronti delle istituzioni”.

In Evidenza

Dieta, ancora lontani dalle linee guida OMS: il Lazio maglia nera

Solo il 7% degli italiani consuma cinque porzioni di frutta e verdura ogni giorno di Redazione Roma (Rm) – Gli…

Continua a leggere ...

Imprenditoria femminile, dalla Regione Lazio 5 milioni per l’innovazione

Presentata a Roma la nuova misura della Regione Lazio “Donne, Innovazione e impresa” che promuove e valorizza l’imprenditoria femminile, attraverso…

Continua a leggere ...

Lazio, 25 mln per l’avviamento aziendale di giovani agricoltori

Assessore Righini: “Un provvedimento importante: le nuove generazioni possono far imprimere al mondo agricolo un decisivo cambio di passo. Il…

Continua a leggere ...

Festa della Mamma

Idee per un Regalo - 331.434.16.37