Tari (Tassa sui rifiuti) Ardea, Chiarimenti del Sindaco e dell’Assessore

Il Sindaco di Ardea Maurizio Cremonini e l’Assessore alle Finanze Emanuela Anna Ferrante intendono intervenire per fare chiarezza circa le tariffe TARI, ossia la Tassa sui Rifiuti


Ardea (Rm) – In particolare, a seguito dell’invio degli avvisi di pagamento, sono emerse numerose perplessità da parte della cittadinanza e sono stati registrati degli interventi di alcuni consiglieri comunali d’opposizione proprio relativamente alle tariffe e al relativo Piano Economico Finanziario (PEF) 2022-2025, ossia il documento con cui vengono definiti, tra gli altri, i costi complessivi, fissi e variabili, del Servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

«Il PEF da cui scaturiscono le tariffe applicate relativamente alla Tari – spiegano il Sindaco e l’Assessore alle Finanze – non è stato adottato da questa Amministrazione; di conseguenza, gli aumenti che stanno ‘pesando’ sulle tasche dei contribuenti derivano da un documento che è stato adottato prima dell’insediamento dell’attuale governance cittadina. Un documento, il PEF, che allo stato attuale non è modificabile, in quanto i cambiamenti possono essere solo biennali.

Di contro, però, questa Amministrazione ha lavorato alacremente per analizzare le motivazioni che avevano indotto, dall’anno 2022 all’anno 2023, a prevedere un aumento del costo del servizio pari al 6,48%: da tale analisi e dal successivo aggiornamento dei costi che compongono l’intero servizio, si è riusciti a contenere l’aumento di oltre due punti percentuali, fissandolo al 4,36%. Ciò significa che l’incremento medio delle tariffe è stato sensibilmente contenuto rispetto a quanto inizialmente previsto con il PEF 2022-2025».

C’è dell’altro: «Per la prima volta – proseguono Sindaco e Assessore – è stato affrontato il tema delle abitazioni a disposizione: Ardea, infatti, essendo una località con un esteso litorale, è caratterizzata dalla presenza di seconde abitazioni che, per buona parte dell’anno, restano inutilizzate. Per loro è stata introdotta una riduzione sulla parte variabile (ossia i costi di raccolta, trasporto, trattamento e smaltimento dei rifiuti indifferenziati, i costi della raccolta differenziata e i costi di trattamento e riciclo) della tariffa Tari del 10%. È facile, dunque, attribuire all’Amministrazione Cremonini l’aumento dei costi della Tari – concludono il Sindaco e l’Assessore -: con questi fatti, invece, dimostriamo che abbiamo messo in campo qualsiasi risorsa per contenerli».

In Evidenza

“Via Francigena del Sud” a rischio cancellazione, un appello alla UE

Nota rivolta ai pellegrini, amanti della natura e dell’ambiente per esprimere all’Europa il disappunto per la possibile distruzione della Via…

Continua a leggere ...

Cisterna, 80 anni dalla liberazione della città

“CISTERNA 1944. Il martirio, la rinascita, la memoria” il nuovo libro di Mauro Nasi, Stefano Solferini e Pier Giacomo Sottoriva, con i contributi di…

Continua a leggere ...

Giovanni Falcone e la sua scorta, flash mob tenutosi a Velletri

Capaci (PA) 23 maggio 1992: data indelebile nello spirito di ogni autentico democratico italiano a cura di  Europa Verde Velletri…

Continua a leggere ...

Festa della Mamma

Idee per un Regalo - 331.434.16.37