Velletri, Il Sindaco risponde su ‘chiusura del Punto di Ascolto Marinella’ e raddoppio delle indennità’

Riportiamo una nota stampa che l’Amministrazione comunale di Velletri, per tramite del Sindaco, ha diffuso in merito alle notizie (non del nostro giornale) pubblicate nei giorni scorsi relative al Centro antiviolenza Marinella ed altro

a cura del Sindaco Ascanio Cascella


Velletri (Rm) – “Leggendo gli articoli presenti su alcuni giornali online, che riportavano comunicati provenienti da forze politiche di opposizione circa la notizia che il Sindaco e la Giunta si sarebbero raddoppiati lo stipendio e contestualmente avrebbero chiuso l’unico centro antiviolenza di Velletri, devo necessariamente rispondere.

Il primo punto riguarda la non veridicità delle notizie riportate e diffuse esclusivamente per screditare l’immagine dell’Amministrazione Comunale in quanto l’aumento dell’indennità per gli Amministratori è stato previsto dalla Legge di Bilancio 2022, (quindi, del dicembre 2021), che prevede un aumento progressivo in tre anni dell’indennità degli amministratori di tutta Italia. Quindi, l’aumento già avvenuto a partire dal 2022 è stato recepito dalla precedente Amministrazione, così come il secondo aumento del 2023; e con la Delibera di Giunta di dicembre 2023 abbiamo preso atto dell’ultimo step previsto dalla legge suddetta.

Il secondo punto riguarda la chiusura del Centro di Ascolto che, aveva una convenzione con scadenza naturale al 31 dicembre 2023, quindi la convenzione si è esaurita e non certo conclusa con atto di chiusura da parte dell’Amministrazione. Questo fatto è ben noto all’opposizione poiché la convenzione è stata sottoscritta con la precedente Amministrazione. Inoltre, se le forze politiche di opposizione avessero partecipato al convegno che si è tenuto nella sala Tersicore, il 24 novembre 2023, riguardante la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, al quale hanno partecipato, tra gli altri, il Ten. Comandante del NOR di Velletri Zacchia, il Direttore della Casa Circondariale di Velletri Gentile, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Velletri Amato e avessero ascoltato le mie parole o letto le notizie stampa riportate in merito, avrebbero compreso quanto emerso dal suddetto convegno:

la volontà dell’Amministrazione è quella di portare avanti un progetto più grande, fatto anticipato proprio durante il convegno. Progetto che prevede ben più di un solo punto d’ascolto in quanto verrà istituita una task force comunale costituita anche da assistenti sociali, precisando che ne sono stati assunti recentemente ulteriori cinque. Il progetto include anche la messa a disposizione di una casa rifugio, oltre al coordinamento con la Procura della Repubblica e le Forze dell’Ordine.

Ci sarà l’istituzione di un Garante della persona

Tutto questo verrà ufficializzato in tempi brevi. Inoltre, è importante sottolineare e correggere un’altra grave falsa informazione. Infatti, il Punto di Ascolto suddetto non è l’unico centro presente sul territorio di Velletri poiché esiste e funziona a pieno regime lo Sportello antiviolenza costituito dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri in connubio con la Asl Rm6, l’Ordine degli Avvocati di Velletri e le Forze dell’Ordine, che offrono un servizio di assistenza e ascolto a 360°.

Attività alla quale partecipa anche il Comune di Velletri attraverso il progetto denominato “Comuni in Rete”. Si evidenzia come sia prevista, per altro, una tappa del “Tour itinerante per prevenire e contrastare la violenza di genere”, il giorno 15.02.2024. Tale progetto, atto a prevenire e contrastare la Violenza di Genere, è il risultato del Protocollo d’Intesa sottoscritto in data 08.03.2018, dalla Procura di Velletri con gli Organi Sanitari, di Polizia, Scolastico-Universitari ed i Comuni ricompresi all’interno del Suo Circondario.

La Procura di Velletri è capofila operativa delle attività progettuali del Protocollo Inter-istituzionale e La Rete lavora in stretto raccordo con essa, per lo sviluppo di tali iniziative, con interventi ed azioni volte alla prevenzione ed al contrasto della violenza. Dalla sottoscrizione del Protocollo ad oggi, sono state realizzate una serie di iniziative, tra cui la formazione, la sensibilizzazione e l’informazione: ora è necessario potenziare l’aspetto relativo alla comunicazione, al fine di veicolare e diffondere il più possibile, quanto realizzato dalla Rete Inter-istituzionale, condividendo le buone prassi e gli strumenti, ideati e perfezionati con il supporto di tutta la Rete. Con questa precisa finalità nasce il presente Progetto Pilota, da realizzarsi sul territorio dei vari Comuni interessati.

L’idea di realizzare incontri itineranti si concretizza grazie alla collaborazione e la compartecipazione fra la Procura di Velletri, gli Psicologi della Asl Rm6 e gli Avvocati del Foro di Velletri, che presiedono lo Sportello di ascolto della Procura “Orientare per Orientarsi“: tutti uniti dalla visione e dalla finalità comune di diffondere una cultura dei sentimenti e dell’ascolto affrontando temi urgenti e necessari, come quelli della paura e della violenza. L’incontro ha la duplice finalità di diffondere ulteriormente l’informazione relativa ai percorsi di sostegno in favore delle vittime di violenza, oltre alla responsabilizzazione del tessuto sociale ed alla riattivazione ed espansione del valore del rispetto.

Le Parti, nel quadro delle rispettive competenze, si impegnano a porre in essere una proficua collaborazione, finalizzata alla promozione di azioni e politiche attive per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della violenza, per l’educazione all’affettività e alla realizzazione di una rete di accoglienza ascolto, protezione delle vittime di violenza di genere e di quelle in condizioni di particolare vulnerabilità.

In questo contesto si innesta l’ambizioso progetto momentaneamente denominato “Codice Rosso” per il quale sono state individuate, nella previsione di Bilancio 2024, importanti risorse sia in termini economici sia di personale. La volontà decisa è quella di costruire, come detto, una task force comunale che possa accogliere e salvaguardare chiunque dovesse rivolgersi alla stessa.

Sono per tanto costernato circa la diffusione di notizie false e faziose, volte esclusivamente a screditare l’Amministrazione e quindi non dirette a offrire una sana e incisiva opposizione e informazione costruttiva, rispetto all’attuale attività di Governo della città.

Da parte mia era doveroso offrire l’esatto connotato della vicenda, per evitare che i cittadini potessero pensare che fossero vere tali informazioni.  Vorrei anche aggiungere che di queste false notizie ne sono state diramate altre e quindi invito a non tediare la cittadinanza con illazioni di questo genere, che verranno sanzionate nelle opportune sedi.

In Evidenza

Salvatore Terrusa ucciso per rubargli il Reddito di Cittadinanza, due arresti

Un omicidio preterintenzionale per cui sono finiti in manette un uomo e una donna, residenti a Velletri. Una coppia, lui…

Continua a leggere ...

Primo Maggio dei Castelli, per la prima volta non si svolgerà al Palabandinelli

L’organizzazione del “Primo Maggio dei Castelli” ha appena comunicato che, senza una risposta formale, il Comune di Velletri, malgrado ripetute…

Continua a leggere ...

Fausto Servadio risponde alla trasmissione de La7, “riprovevole”

La reazione alla inchiesta de La7 su Velletri, ‘città omertosa e mafiosa’ non finisce di suscitare risposte adeguate e corredate…

Continua a leggere ...

Festa della Mamma

Idee per un Regalo - 331.434.16.37