Direttiva UE ‘Case Green’, per modernizzazione ed efficientamento degli edifici

“Un’opportunità verso la neutralità climatica e l’autoproduzione energetica. Ora tocca alle Istituzioni”, consigliere dell’Alleanza capitolina Verdi-Sinistra Nando Bonessio

di Redazione


Roma (Rm) – L’Europa diventa green e avvera la profezia di Alexander Langer secondo cui la conversione ecologica potrà affermarsi soltanto se apparirà ecologicamente e socialmente desiderabile. Edifici con costi di gestione pari quasi a zero perché bene isolati e perché sfruttano l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili; cittadini liberi dalla schiavitù delle bollette perché energeticamente autosufficienti; effettivo raggiungimento del Green deal rivolto alla neutralità climatica entro il 2050.

Sono questi gli obiettivi che sarà possibile ottenere a seguito dell’approvazione della Direttiva ‘Case Green’ con cui il Parlamento europeo finalmente annuncia il cronoprogramma da seguire per la modernizzazione ed efficientamento degli edifici pubblici e privati.
Il consigliere dell’Alleanza capitolina Verdi-Sinistra Nando Bonessio in una nota precisa: “Esprimo, dunque, la massima soddisfazione per un atto normativo che aspettavamo da tempo perché contrasta le emissioni di CO2, può portare a una reale riduzione delle bollette aiutando ad affrontare il serio problema della povertà energetica e allo stesso tempo offre migliaia di posti di lavoro alle medie-piccole imprese del settore. In più promuove progetti di autoproduzione e autoconsumo di energia da fonti rinnovabili che, non essendo sottoposta alle oscillazioni del mercato del gas a sua volta influenzato dal contesto politico-economico mondiale e dalla speculazione, consente un notevole risparmio in termini economici e sociali e rappresenta la vera liberazione dai combustibili fossili.”
L’amministrazione capitolina ha già dimostrato di essere molto sensibile al tema stanziando fondi nel bilancio di previsione sulle Comunità Energetiche Rinnovabili e Solidali (CERS) e approvando una delibera che prevede la nascita di 15 nuove comunità energetiche solidali, una in ciascuno Municipio di Roma tramite l’installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti degli edifici scolastici.
La Direttiva della UE ora però va sostenuta e resa applicabile senza oneri insostenibili a carico dei cittadini, attraverso il reinserimento da parte del Governo di incentivi specifici. Si tratta di strumenti che, come dimostrato già in passato e al netto di necessari miglioramenti e revisioni, potranno continuare a essere utili per realizzare interventi di sostenibilità degli immobili.
Conclude Bonessio le sue osservazioni: “La riconversione energetica è un obiettivo da perseguire per migliorare il mondo in cui viviamo e dare una chance alle prossime generazioni. Prendersi cura del nostro pianeta significa prendersi cura delle persone che lo abitano e la cura delle persone è di per sé sostenibilità ambientale e sociale”.

Queste le osservazioni della parte favorevole alla Direttiva che vede una vera opportunità per il futuro. Ma una larga parte della politica muove delle eccezioni al programma che farà cambiare l’edilizia sia pubblica sia privata nell’immediato. In altro articolo vedremo le eccezioni con le relative motivazioni

In Evidenza

Salvatore Terrusa ucciso per rubargli il Reddito di Cittadinanza, due arresti

Un omicidio preterintenzionale per cui sono finiti in manette un uomo e una donna, residenti a Velletri. Una coppia, lui…

Continua a leggere ...

Vinitaly, la Regione Lazio espone le eccellenze: ‘prestigio e responsabilità’

Il Presidente Francesco Rocca dopo l’inaugurazione, con evidente soddisfazione: “orgoglioso del modello Lazio al Vinitaly. E’ stato fato un grandissimo…

Continua a leggere ...

Primo Maggio dei Castelli, per la prima volta non si svolgerà al Palabandinelli

L’organizzazione del “Primo Maggio dei Castelli” ha appena comunicato che, senza una risposta formale, il Comune di Velletri, malgrado ripetute…

Continua a leggere ...

Festa della Mamma

Idee per un Regalo - 331.434.16.37